Tastiere a percussione che si studiano in conservatorio

Le tastiere a percussione che si studiano in conservatorio sono quegli strumenti appartenenti alla famiglia delle percussioni classiche ed alla sotto categoria degli idiofoni.

Le tastiere (keyboards) sono costituite da tasti ricavati da diversi materiali, a seconda del tipo di strumento.

Le principali tastiere a percussione che si studiano nell’ambito della musica classica-sinfonica sono:

. marimba

. vibrafono

. xilofono

Usato ma meno studiato è il glockenspiel.

La marimba e lo xilofono sono fatti dello stesso materiale, per quanto riguarda i tasti che possono essere di legno o di kelon.

I legni utilizzati per la realizzazione degli xilofono sono il ciliegio o il padouk che grazie allo loro densità e particolari caratteristiche elastiche ed acustiche, permettono di intonare le tavolette di legno per ottenere dei suoni precisi.

Il kelon è un materiale che si usa in sostituzione del legno e viene impiegato per ragioni di resistenza ed usura che, a differenza del padouk o del ciliegio risulta essere quasi indistruttibile e non soggetto ad usura. Molto usato nei conservatori  di musica o per studiare.

Il vibrafono si differenzia dalle altre tastiere a percussione per il materiale dei tasti, generalmente in alluminio o altre leghe metalliche. Per questo viene classificato come metallofono. Una caratteristiche importante ed esclusiva del vibrafono è la presenza delle alette all’interno dei risuonatori che permettono di ottenere un effetto vibrato, quando queste ruotano, proprio dall’effetto vibrato lo strumento prende il nome di “vibrafono”.

Il Glockenspiel è un metallofono ed assomiglia ad un piccolo xilofono, con la differenza che i tasti sono di acciaio o materiale simile e delle dimensioni ridotte. Il suono risulta squillante e ricco di armoniche acute.

Lascia un commento