Cajon

 

Cos’è il cajon?

Il cajon è uno strumento che proviene da una tradizione di costruzione molto rudimentale, per questo motivo ancora oggi molti percussionisti fai da te si cimentano con la costruzione dei cajones per evitare di spendere cifre esagerate.

Negli anni ’80, grazie al percussionista e ballerino Manolo Soler di Paco De Lucia in Perù il quale vide e glie ne fu prestato uno per un concerto col famoso chitarrista il cajon approdo in Spagna dove venne modificato al suo interno, applicando delle corde di chitarra al suo interno e diventò uno strumento di uso comune nel genere Flamenco.

Prezzo di un Cajon?

I prezzi del cajon sono oggi tuttavia accessibili in quanto molte aziende riescono ad offrire sul mercato delle soluzioni economiche e convenienti.

Il prezzo di un cajon artigianale varia a seconda del materiale che viene utilizzato per la costruzione e le qualità della lavorazione.

Un cajon di 60-80€ è sicuramente uno strumento che va bene per cominciare a suonare le percussioni ma è considerato un cajon entry-level, nel senso che è il primo modello che un neo percussionista acquista per cominciare a suonare.

La fascia che va da 100€ a 250€ è la fascia medio-buona, dove si trovano cajones che suonano bene e si possono utilizzare in situazioni più professionali.

La fascia alta, che supera i 300€ riguarda i pezzi unici di liuteria, che vengono costruiti interamente a mano da bravissimi artigiani e sono spesso molto decorati. Il valore, il prezzo e la qualità di questi strumenti dipende non solo dalla costruzione e materiali utilizzati ma anche dalla cura delle rifiniture e decorazioni.

Costruzione del cajon

Il cajon è uno strumento molto semplice da costruire per gli appassionati del fai da te. Non c’è dubbio che le aziende che da anni costruiscono cajones hanno sviluppato un know-how che rende questi strumenti dei veri e propri strumenti musicali professionali. Con gli adeguati accorgimenti si può realizzare un buon cajon autocostruito, in casa o in laboratorio/garage.

Il cajon è uno strumento a percussione in legno. La sua forma è quella di un parallelepipedo e le sue dimensioni sono di 50 cm di altezza, 30 cm. di larghezza e 30 cm. di profondità. Nonostante le dimensioni standard indicate alcuni produttori applicano delle varianti talvolta di qualche centimetro.

Le parti del cajon

Il cajon è principalmente costituito da tre parti: la struttura portante che è quella laterale, sopra e sotto, e la parte dei due pannelli frontale e retrostante. Questi ultimi sono i punti più importanti dal punto di vista sonoro in quanto diretti interessati alla produzione del suono ed alla sua propagazione.

Il cajon tipico è costruito interamente in legno. I legni impiegati per la costruzione del cajon sono generalmente la betulla, l’acero e il faggio. A volte si usano diversi legni per lo stesso cajon infatti le varie parti dello strumento hanno funzioni diverse, alcune strutturali ed altre principalmente acustiche.

Provenienza del cajon

La nascita del cajon viene spesso associata al flamenco anche se le sue radici sono da attribuire al Perù. Proprio qui, nel XVII secolo, come in altre zone dell’America Latina si stabilizzarono le popolazioni che venivano dall’Africa alle quali non era concessa nessuna forma d’espressione. Avendo la cultura africana forti radici musicali sia ritmiche che vocali, gli schiavi cominciarono ad accompagnare i propri canti scandendo il ritmo seduti sulle casse del pesce facendo diventare queste casse di legno, col tempo, un vero e proprio strumento musicale.

Ancora oggi in Perù i cajones sono costruiti in maniera rudimentale al contrario dei prodotti delle varie aziende di strumenti a percusione che hanno affinato sempre di più la lavorazione rendendolo un vero e proprio strumento musicale.

Forme alternative del Cajon

Come si è detto il cajon nasce come un semplice parallelepipedo di legno con tutti i vertici a 90° e si sviluppa tecnicamente al suo interno con l’aggiunta di corde di chitarra, cordiere da rullante di batteria o altri accessori vari.

Negli ultimi anni l’ingegno di alcuni costruttori ha portato a modificare la forma originale del cajon per motivi di suono e per migliorare la postura dell’esecutore.

Una delle varianti ormai più diffuse, per quanto riguarda la forma, è l’inclinazione del pannello battente (tapa) che diventa in questi modelli un piano inclinato dall’alto verso il basso, aumentando il volume sulle basse frequenze ed favorendo il monitoraggio verso il suonatore.

Corde del cajon

Le corde che si usano per il cajon sono per tradizione flamenca delle normali corde di chitarra (solitamente il “La” basso) e si montano con differenti sistemi a seconda dell’effeto e del suono che si vuole ottenere dallo strumento.

Alcuni cajon montano invece una cordiera simile alla cordiere di rullante da batteria ottenendo così un suono più batteristico e controllato

Cajon per bambini – mini cajon o Cajon Kids

Una delle varianti che alcune aziende prevedono per i cajon è il mini cajon o cajon kids della stessa forma di un cajon tradizionale ma con delle dimensioi ridotte, per far suonare anche i bambini.

Video sul cajon

Su youtube esistono migliaia di video di cajon, dimostrativi, didattici e di esibizioni live, dove poter apprendere tante tecniche e modi di suonare.

Pedali applicati al cajon

La meinl percussion ha ultimamente inventato per i suonatori di cajo un sistema che permette tramite un pedale di attivare e disattivare la cordiera interna, dando la possibilità al suonatore di scegliere il suono che più serve alla situazione musicale.

Cajon basso

Il cajon basso è un modello di cajon di dimensioni maggiori rispetto a quelle standard ed offre una sonorità molto bassa o grave quasi simile a quella di una grancassa di batteria.

Pedale di batteria sul cajon

Un sistema di bloccaggio di un normale pedale di grancassa da batteria permette di suonare il cajon anche col piede, liberando le mani che possono essere impiegate per suonare altri strumenti.

Generi musicali da suonare col cajon

Il cajon nasce come strumento della tradizione peruviana ed ancora oggi vine usato per le danze popolari peruviane. Il cajon flamenco è il modello che viene generalmente usato per suonare lo stile flamenco (vedi esempio sul sito Spettacolo flamenco). Oggi col cajon si possono suonare quasi tutti i generi musicali, dal pop acustico al blues, passando dal jazz ed arrivando al funky.

 

Pedale per cajon

Cajon amplificato con uno o due microfoni?

Uno degli aspetti che si considera quando si suona dal vivo col cajon è come amplificare utilizzando uno o due microfoni.

Il cajon è un particolare strumento a percussione che, di norma andrebbe preso con le pinze nel momento in cui viene amplificato.

La scarsa conoscenza da parte dei tecnici del suono nei confronti di questo strumento rischia talvolta di compromettere la performance per cui è bene tener presente alcuni accorgimenti fondamentali.

Questa è una guida di riferimento per l’uso dei microfoni sul cajon live e in studio di registrazione.

Microfonare Live

Le possibilità per microfonare il cajon con un solo microfono sono:

1. Un microfono avanti

Nella foto è illustrato un esempio di come si può applicare un microfono al cajòn col sistema integrato nel Thron, sostegno per cajòn di ultima generazione dotato di attacco e asta flessibile, per situazioni live ed in studio.

2. un microfono dietro

3. un microfono all’interno (da inserire dentro tramite il foro).

Il cajon può essere ripreso anche con due microfoni

1. microfono avanti + microfono dietro

2. microfono avanti + microfono dentro

Microfonare in studio

Per riprese in studio di registrazione si hanno altre combinazioni:

1. microfono avanti + 2 overhead

2. microfono dentro + 2 overhead

3. microfono avanti + microfono dentro + 2 overhead

4. microfono dentro + microfono dietro (esterno) + microfono avanti + 2 overhead

Per posizionare un microfono avanti si usa generalmente un dinamico.

Per la parte di dietro si usa un microfono per cassa di batteria.

Per la parte interna si usano microfoni a condensatore tipo clip, come quelli che si usano per i tom o per gli strumenti a fiato.

Amplificatore naturale con la cassa di risonanza

Come si amplifica un cajòn?

Come strumento a percussione, non ha ancora avuto molta diffusione in Italia, anche se molti percussionisti e batteristi cominciano ad usarlo. Il cajòn è uno strumento molto usato in altri stati come Spagna, Germania, Brasile e America Latina in generale.

Uno dei problemi con cui i percussionisti hanno a che fare, suonando il cajòn, è quello del volume. Essendo questo uno strumento fatto completamente di legno, senza pelli battenti, risonanti o altri sistemi che generano volumi importanti come i tamburi, il cajòn difetta per il volume, se si confronta con altri strumenti a percussione della stessa famiglia.

Non a caso i suonatori rudimentali sviluppano una certa forza, oltre la tecnica, per suonare molto forte perché non sempre suonano amplificati.

Un trucco per far sentire di più il cajòn, sistema che non si può sfruttare in spazi aperti, è quello di mettersi nell’angolo di una stanza. Gli angoli, come i tecnici di acustica sanno, tendono ad amplificare i suoni e posizionarsi nell’angolo, mentre si suona, aiuta ad avere un volume maggiore.

Il sistema Throne è una soluzione che permette di ottenere l’effetto angolo in qualsiasi luogo si suoni.

Il sostegno è studiato in modo che quando il cajòn è incassato all’interno, la zona posteriore crea una naturale cassa di risonanza dove viene proiettato ed amplificato il suono in maniera naturale.

L’angolo risultante dall’inclinazione del cajòn permette alla direzione dell’onda sonora, oltre ad amplificarsi nella cassa acustica ricreata, di viaggiare in maniera obliqua rispetto al pavimento, crescendo di volume a causa della riflessione.

Oltre a ricreare una cassa e fare da amplificatore naturale, il Throne aderisce al cajòn e contribuisce alla trasmissione del suono lungo tutta la struttura di legno, aumentandone ulteriormente il volume.

Per saperne di più visita il sito OviSolution per cajon

Prossimamente…….

Utilizzi del cajon

I suoni del cajon

Invenzioni sul cajon

Come si suona il cajon

Esercizi sul cajon

Comprare un cajon

Migliori marche di cajon



Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.