Bearing Edge – Bordo e angolo interno

Bearing Edge – Bordo del fusto

Per Bearing Edge si intende quello che in italiano viene definito il bordo o bordatura del fusto di un tamburo. Il bearing edge stabilisce determinate caratteristiche alla qualità del timbro di un membranofono. La pelle che vi è poggiata sopra forma un angolo fra il cerchio di alluminio della pelle stessa e la superficie della membrana, ottenendo così la tensione, variabile per l’accordatura della batteria, necessaria a farla vibrare.

L’angolo interno del fusto di un tamburo cambia il timbro del tamburo stesso. Il fusto è generalmente svasato a 45° al suo interno ed è questa la condizione media che garantisce tutte le caratteristiche di attacco, risonanza e presenza del suono.

Altre varianti sono con angolo maggiore o inferiore come gli angoli a 30°, a 35° e a 60°. In alcuni modelli di batterie si eseguivano anche i bordi tondi.

L’angolo del bordo interno del fusto di un tom o di un timpano di batteria ma anche di un rullante è fatto per esaltare alcune caratteristiche del fusto stesso.

Angolo a 45°

L’angolo interno a 45° restituisce al fusto tutte le caratteristiche senza enfatizzare solo l’attacco del suono o la risonanza. È la soluzione migliore per un suono equilibrato e tondo senza eccessive caratteristiche timbriche.

Angolo a 35°

L’angolo interno tagliato a 35° è spesso fatto nei tom della batteria che hanno uno spessore molto sottile, di 2mm o 3mm ma anche poco più. L’angolo così accentuato enfatizza i bassi del fusto, aumenta l’attacco sulle basse frequenze e diminuisce la presenza di armoniche acute restituendo un suono molto preciso, definito e di forte impatto.

Angolo a 60°

Un angolo così ampio rende il bordo del fusto di un tamburo quasi piatto in quanto è più vicino ai 90° dell’angolo del taglio principale. Un angolo così fatto aumenta l’attacco del fusto sulle medio-altre frequenze e rende il timbro generale dei tamburi molto mediosi. Il suono ne risulta vintage e se si vuole ottenere una sonorità più anni “60 o “70 basta mettere delle pelli molto sottili. L’enfatizzazione delle basse, in questi fusti viene meno.

Lascia un commento